GUIDA ALL'USO DELLE EASYHARP TABS (FREE) TABLATURE AVANZATE PER ARMONICA BLUES

guida all'uso

Cari amici di armonica, qui sotto trovate una semplice e rapida guida all’uso delle Easyharp Tabs, ovvero un tipo di trascrizione per armonica blues che ho volutamente definito: “tablatura avanzata”.
Molto semplicemente, le mie trascrizioni sono parecchio simili alle classiche tablature per armonica, dove trovate indicati i fori in cui soffiare (S) o aspirate (A) attraverso l’armonica, ma ho introdotto una importante e codificata novità, ovvero la divisione del tempo e del ritmo.
Leggete qui sotto come interpretare la semplice e intuitiva simbologia adottata e (con l’aiuto dei file audio allegati a ogni tablatura inclusi nelle Easyharp Tabs), cercate subito di suonare le diverse note col corretto senso ritmico. Non accontentavi di individuare i fori dell’armonica e vedrete che rapidamente sarà facile capire attraverso le tablature avanzate come dare senso alle stesse note.
Ecco qui sotto, passo passo, una guida alla lettura e riproduzione delle Easyharp Tabs.

 


Divisione del tempo in battute e quarti di battute (4 quarti per battuta):
ogni linea verticale corrisponde alla divisione di un quarto e al corrispettivo suono del metronomo

 

Numerazione delle battute di cui è composto il brano da suonare:
Battuta 1, Battuta 2, Battuta 3, etc. etc. Normalmente un giro completo è composto da 12 battute

 

Indicazione sintetica dell’accordo musicale su cui si sta suonando:
I = accordo di tonica (primo grado)
IV = accordo sottodominante (quarto grado)
V = accordo dominante (quinto grado)
Normalmente trovate un solo accordo per battuta, se invece l’accordo cambia all’interno della stessa battuta trovate un’indicazione tipo:
I/V (metà sull’accordo di tonica e metà sull’accordo dominante)
I/IV (metà sull’accordo di tonica e metà sull’accordo sottodominante)

 


Linea orizzontale che divide le note aspirate dalle note soffiate:
A = aspirato (sopra)
S = soffiato (sotto)

 


I numeri indicano il foro su cui ottenere le note da suonare e sono disposti su due righe:
riga superiore (indicata a sinistra con A) = aspirare
riga inferiore (indicata a sinistra con S) = soffiare
Nell’esempio: aspira nel secondo foro, aspira nel terzo foro, soffia nel quarto foro, aspira nel quarto foro

 


I quarti di battuta evidenziati in giallo contengono note che vengono per comodità trascritte nella pagina successiva.

 

3’   3’’   3’’’

Ogni   indica mezzo tono di bending applicato alla nota corrispondente, per esempio:
3      =  terzo foro piegato di mezzo tono 
3’’     =  terzo foro piegato di un tono (due mezzi toni)
3’’’    =  terzo foro piegato di un tono e mezzo (tre semitoni)

 

6_______  

La linea bassa lunga (underscore) significa che la nota corrispondente va tenuta lunga e la lunghezza della linea identifica la durata della nota

 

(1234)

I numeri indicati tra parentesi identificano un gruppo di note da suonare contemporaneamente (per esempio un accordo), ovvero più fori da imboccate contemporaneamente.

 

(-- 4)

Un numero indicato tra parentesi con dei trattini a sinistra identifica la nota da eseguire attraverso la tecnica del tongue blocking: il numero indica il foro da lasciare libero, i trattini indicano che la lingua deve bloccare i fori a sinistra del numero (normalmente la lingua blocca tre fori).

 

(1 - 4)

Due numeri indicati tra parentesi e divisi da un trattino identificano due note suonate contemporaneamente su due ottave differenti: i numeri indicano i fori da lasciare liberi mentre il trattino indica i fori intermedi da bloccare con la lingua.

 

3”3 

Due note ravvicinate e sottolineate indicano un passaggio veloce tra le due note, ovvero una “acciaccatura”, dove la prima nota va solo accennata come passaggio alla seconda.

 

3<-- >4

La doppia freccia tra due note indica un trillo: le due note vanno suonate rapidamente in modo alternato.

 

-- > 4            

Una freccia a sinistra di una nota indica che la nota va suonata “glissando”, ovvero si arriva alla nota da suonare aspirando o soffiando sui fori precedenti con un rapido movimento sull’armonica.

 

2 ~

L’ondina indica che la nota va suonata col vibrato.

 

3/4

Due note separate da una linea verticale diagonale (slash) significa che le due note vanno suonate contemporaneamente con un leggero bending (se le due note sono indicate tra parentesi invece vanno suonate contemporaneamente senza bending).

 

(x)  

Questa simbolo viene utilizzato nei tempi sincopati per identificare una pausa, ovvero non bisogna suonare in corrispondenza del simbolo.

 


La posizione delle note (numeri dei fori attraverso cui soffiare o aspirare) rispetto alla linea verticale che divide le battute in quarti di battuta identifica quando suonare le diverse note. La quantità di note all’interno dello stesso quarto di battuta identifica la divisione ritmica con cui suonare le diverse note in sequenza. 

 


Se trovate una sola nota all’interno di un quarto di battuta ed è indicata subito a destra della linea verticale, allora quella nota va suonata in battere. Nell’esempio: suonare quattro volte il secondo foro aspirato all’interno della stessa battuta e ogni volta sul battere di ogni quarto di battuta.

 

Se trovate due note all’interno dello stesso quarto di battuta, la prima subito a destra della linea verticale e la seconda circa a metà, allora le due note vanno suonate all’interno dello stesso quarto di battuta, una in battere e una in levare (divisione a ottavi).

Nell’esempio: suonare due volte il quarto foro aspirato all’interno di ogni quarto di battuta, uno in battere e l’altro in levare.

 


Se trovate tre note all’interno dello stesso quarto di battuta, la prima subito a destra della linea verticale e le altre due in posizione più o meno equidistante, allora le tre note vanno suonate all’interno dello stesso quarto di battuta con una divisione a terzine, dove la prima nota capita in battere e normalmente con un accento forte.
Nell’esempio: suonare quattro volte la terzina composta da quarto foro aspirato (in battere con accento forte), quarto foro aspirato piegato di mezzo tono, quarto foro soffiato.

 


Se trovate quattro note all’interno dello stesso quarto di battuta si tratta invece di una divisione a quartine, che, a seconda della velocità del brano, richiede quindi una buona capacità nell’esecuzione di una rapida sequenza di note.
Nell’esempio: suonare, all’interno della medesima battuta, quattro volte la quartina composta da quinto foro aspirato, quarto foro aspirato, quinto foro soffiato, quarto foro soffiato.

 


Se trovate due note all’interno dello stesso quarto di battuta, dove la prima si trova subito a destra della linea verticale e la seconda subito a sinistra della linea verticale successiva, allora si tratta di una divisione ritmica “shuffle”, che deriva da una divisione ritmica a terzine dove la nota centrale della terzina risulta mancante. Il risultato pratico è la presenza di coppie di note ravvicinate alle linee verticali, che vanno suonate in rapida sequenza, dove la seconda capita in battere e la prima in anticipo rispetto alla seconda.
Nell’esempio: suonare il secondo foro aspirato in battere, pausa, suonare in sequenza secondo foro aspirato e terzo foro aspirato (dove il terzo foro aspirato capita in battere e il secondo foro aspirato in anticipo), pausa, suonare con la medesima modalità “shuffle” in rapida sequenza terzo foro aspirato e quarto foro aspirato, pausa, quarto foro aspirato e sesto foro soffiato.

 


Le Easyharp Tabs sono quindi trascrizioni in “tablatura avanzata” per armonica, che, con la guida anche dei file audio, vi permetteranno di suonare correttamente sia le note indicate che il relativo senso ritmico.
Nell’esempio: vengono riportate in tablatura le note da suonare all’interno di due battute, entrambe sull’accordo di tonica. Vi consiglio di usare un metronomo che scandisca i quarti di battuta oppure battete il vostro piede su ogni quarto di battuta.
Sul primo quarto della prima battuta suonerete: secondo foro aspirato piegato di un tono in battere e secondo foro aspirato in levare. Sul secondo quarto sempre della prima battuta suonerete terzo e quarto foro contemporaneamente con bending per quasi tutta la durata del quarto di battuta. Sul terzo quarto suonerete una quartina, ovvero una sequenza rapida di quattro note. Sul quarto quarto suonerete un secondo foro aspirato in battere. La seconda battuta presenta pressoché le stesse note e la stessa divisione ritmica, con la differenza delle note che compongono la quartina del terzo quarto di battuta e dell’ultimo quarto dove non bisogna suonare nessuna nota, ovvero bisogna lasciare una pausa.

 

Vi consiglio di studiare un brano alla volta e di non accontentarvi, cercate di fare vostro il linguaggio musicale trascritto, magari imparate a memoria un pezzo alla volta ed esercitatevi con un metronomo a velocità lenta battendo il vostro piede, scandendo, assieme al metronomo, la divisione in quarti di battuta. Non preoccupatevi se all’inizio vi risulterà difficile coordinare il piede con l’esecuzione sull’armonica, un po’ alla volta educherete il vostro piede a seguire il tempo mentre suonate e vi renderete presto conto degli enormi progressi in termini di padronanza non solo nell’esecuzione di frasi musicali ma anche di gestione tempo-ritmo.

Vi auguro tanto divertimento studiando le mie EASYHARP TABS: sono il risultato di tanti anni di ricerca e studio sugli standard dell’armonica blues e son sicuro che un passo alla volta vi impadronirete sempre più del magico linguaggio del vostro strumento esplorando con le mie trascrizioni un livello medio-avanzato di competenza sull’armonica blues.

P.D.

 

BetFair F.BetRoll UK Bookies
How to get bonus http://b.betroll.co.uk/ bet376
Online bookmaker the UK http://whbonus.webs.com/ William Hill